“Slumberland” una nuova uscita per Fazi Editore

slumberland-light-673x1024
Slumberland, Photocredit Fazi Editore

Esce oggi per Fazi Editore Slumberland di Paul Beatty, autore dell’ormai famoso romanzo Lo schiavista per il quale ha vinto il Man Booker Prize 2016.

Inutile dire che con questa nuova uscita Fazi Editore non fa che confermare la ricercatezza del suo catalogo (vi è mai capitato di voler acquistare tutti i libri di una stessa casa editrice? A me succede ogni volta che questo editore pubblica su Facebook la foto dello scatolone con le copie “appena arrivate in casa editrice”), ma anche la cura per la grafica e per la scelta delle copertine. Con Slumberland si sono certamente superati con un’immagine così accattivante, colorata e originale.

Ma passiamo al contenuto che è poi ciò che conta. Dopo il successo de Lo Schiavista non possiamo non aspettarci un altro romanzo di livello da Paul Beatty che, questa volta, ci racconta la storia di DJ Darky, afroamericano che da Los Angeles si trasferisce nella Berlino del 1989 dove, a breve, cadrà il Muro. Il sogno di Darky è trovare Charles Stone, in arte Schwa, mitico musicista dell’avanguardia jazz ed è nell’atmosfera di una città nuova e pullulante di vita che si muoverà e troverà la sua meta:un locale in cui si fa musica, lo Slumberland bar, dove si fa assumere come jukebox sommelier. Si apre così una nuova stagione acustica, con territori inediti e nuovi gusti musicali e, parallelamente, si sviluppa un nuovo tessuto sociale grazie alle relazioni fra uomini neri e donne bianche, fra musica jazz e techno, alla condizione dei tedeschi dell’Est dopo l’unificazione e quella degli afroamericani dopo le battaglie per i diritti civili. Un romanzo in cui Beatty racconta con stile pungente le contraddizioni di un periodo storico rivoluzionario e mette su carta il suo amore per la musica.

Dopo il piacere visivo per questa copertina da urlo, non resta che gustare il contenuto di questo romanzo originale di un autore che, ormai, si sta distinguendo nella letteratura americana contemporanea.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *