Le stelle cadranno tutte insieme

Le stelle cadranno tutte insieme, di Iacopo Barison

Atmosfere californiane in un romanzo tutto italiano

Iacopo Barison ha scritto una storia che spacca

La prima impressione che si prova leggendo Le stelle cadranno tutte insieme è che non sia un libro ambientato in Italia e scritto da un italiano. Sembra, piuttosto, il romanzo di un potenziale Bret Easton Ellis, con atmosfere che ricordano Meno di zero e protagonisti che potrebbero puntare a raggiungere Hollywood anziché Cinecittà.

Il secondo romanzo di Iacopo Barison, uscito ad aprile per Fandango Libri, stupisce pagina dopo pagina per un motivo principale: non si ha la più pallida idea di come possa andare a finire.

Di cosa parla Le stelle cadranno tutte insieme

Un giovane quasi ventenne aspira a lasciare la provincia per trasferirsi nella grande città, sicuro che lì potrà provare a realizzare il sogno di diventare uno sceneggiatore. La sua ragazza, Aria, con meno convinzione vorrebbe fare l’attrice, ma ha un problema: vede i morti intorno a sé e pensa di riuscire a comunicare con loro. Danny è bisessuale e disposto a tutto pur di diventare famoso, elemento di disturbo e, allo stesso, collante per la coppia di amici.

La storia è narrata, con continui balzi, nel decennio che traghetta i tre giovani dai venti ai trent’anni, ossia dagli anni caratterizzati dal “sogno di diventare” a quelli di autoanalisi sul “ciò che siamo diventati veramente”.

Ci sono tutti gli elementi di una generazione: la voglia di un futuro di successo accompagnata dal timore di non riuscire a raggiungerlo; la scelta di accettare lavori indefiniti con la convinzione che, sì, magari potranno sempre tornare utili all’obiettivo finale; la necessità innata di apparire a tutti i costi, come comparsa in uno spot o come protagonista sul proprio profilo social.

Ci sono misteriose scomparse e la convinzione che, in tutto questo, ci siano di mezzo gli UFO. E c’è il mondo delirante, disperato e immaginario in cui vive il fratello di Aria, tossicodipendente che improvvisamente fugge dalla clinica in cui è ricoverato.

E in tutto questo c’è una sola cosa che aiuta a mantenere i ragazzi incollati alla realtà: la morte. Quella vera di Cinemascope, il cane di Aria, quella mai citata di una mamma e quella sfiorata di un papà, quella ipotetica (ma senza prove) che potrebbe giustificare i casi di sparizione.

Barison ha scritto un romanzo che, a un certo punto, sembra virare quasi verso la fantascienza e ci si domanda davvero come riuscirà a districarsi in questa trama, perché una storia così potrà solo concludersi in un modo: senza fine, senza spiegazioni, senza tirare le somme. Eppure alla fine il cerchio si chiude. E si chiude alla perfezione.

L’autore

Iacopo Barison, classe 1988, è al suo secondo romanzo. Il primo Stalin + Bianca è uscito nel 2014 (edizioni Tunué), è stato presentato al Premio Strega 2015 e diventerà un film. Collabora con Esquire e SBAM!, il magazine di Jovanotti. Su McSweeney’s, prestigiosa rivista fondata da Dave Eggers che ha ospitato autori come David Foster Wallace, Zadie Smith e Stephen King, è uscito il suo racconto Less, Plus.


LA SCHEDA

Come si intitola? Le stelle cadranno tutte insieme
Chi lo ha scritto? Iacopo Barison
Con quale editore? Fandango libri (aprile 2018)
Quante pagine ha? 280
Quanto costa? 17,50 euro
Qual è il personaggio di questo libro che entra nel Club? Cinemascope
Questo libro è adatto per: analizzare una generazione, riflettere sulle aspirazioni e sui propri risultati


Vuoi comprare Le stelle cadranno tutte insieme?

1 commento

  1. E’ al suo terzo romanzo.
    Il primo: Ventotto grammi dopo (Voras Edizioni – 2010)
    Cristina

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *