Libera i libri - Le Officine Savona

Libera i libri: un nuovo spazio di bookcrossing in città

Al Centro Commerciale “Le Officine” di Savona tre nuove postazioni per favorire lo scambio di libri

Venerdì 27 luglio alle 18.30 a Savona, sulla terrazza del Centro Polifunzionale Le Officine, verrà inaugurato un nuovo spazio cittadino destinato al bookcrossing.

Sono molto felice di annunciare la collaborazione del Club dei Lettori Solitari a “Libera i libri”, iniziativa volta a favorire la diffusione della lettura nella mia città attraverso lo scambio dei libri in uno spazio appositamente dedicato: un servizio cittadino che mancava da un po’ dopo la chiusura di un bookcrossing nel cuore del centro storico.

“Dopo il danneggiamento della postazione di bookcrossing a Palazzo Santa Chiara, mancava a Savona un servizio così per gli amanti dei libri e della lettura” – dice Nadia Ottonello del Presidio del Libro Savona – “Ringraziamo Le Officine e i partner che ne hanno reso possibile la realizzazione e il coinvolgimento anche dei bambini. È importante che la lettura venga trasmessa alle nuove generazioni come un piacere e un momento di svago positivo”.

Libera i libri!

Libera i libri! Libri liberi alle Officine è organizzata dal Presidio del Libro Savona e promossa dal Centro Polifunzionale Le Officine in collaborazione con Punto a capo il centro Maya, l’editore G.A.Z. e, appunto, anche questo blog; ha, inoltre, ricevuto il patrocinio del Comune di Savona.

bookcrossing

La liberazione del primo libro

Durante l’inaugurazione venerdì 27 luglio ci saranno momenti di letture ad alta voce, l’incontro con l’autrice savonese Michela Tilli e la presentazione dell’ultimo libro di Elisabetta Friggi Muunki. Da Bananamondo a New York. Non mancherà l’intrattenimento per bambini con il nuovo L’esploramondo a cura della casa editrice GAZ Magazine Book.

Muunky. Da Bananamondo a New York

Come funzionerà il bookcrossing?

Secondo la prassi ormai conosciuta del bookcrossing nelle tre “casette” dei libri sarà possibile trovare gratuitamente libri e “liberarne” altri perché li possano prendere altri lettori. L’invito è di portare i libri che vogliamo liberare, di ogni genere, e prendere quelli che interessano di più, un modo per promuovere la lettura, anche dei più piccoli, socializzare e conoscere nuovi amici lettori.

E voi avete già pensato a quale libro vorreste liberare?

Lo so, è difficile abbandonare i propri libri, ma pensate a un titolo, poi immaginate il piacere che vi ha dato e a come sarebbe bello donarlo a chi ha ancora non l’ha provato: il momento del distacco sarà più facile.

E, soprattutto, una volta liberato un libro ne troverete un altro pronto ad aspettarvi.

Evviva le iniziative sui libri, evviva gli eventi che rendono più bella la mia piccola città!

Libera i libri

 

2 commenti

  1. Iniziativa davvero interessante…. Ed in altre città? Grazie saluti Manuela

    1. Author

      Eh non saprei… penso sia pieno di esempi simili, magari nelle grandi città gli spazi sono più noti, in quelle piccole diventa difficile saperlo a meno che non ci si viva!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *