ritorno a scuola

Il kit necessario per affrontare l’inizio della scuola

Siete pronti per la riapertura delle scuole?

Con l’inizio di settembre riprendono le attività scolastiche: primi fra tutti gli asili e le scuole dell’infanzia, poi toccherà agli alunni della primaria

Terminata la fatica della gestione dei bambini durante l’estate, tra baby sitter, nonni e campi solari, arriva il momento in cui tutti i componenti della famiglia possono tirare un sospiro di sollievo: l’inizio della scuola. Ossia quel periodo dell’anno in cui finalmente i nonni potranno riposarsi e i genitori riprendere una vita regolare. Una routine di cui i bambini stessi, dopo i vizi e la sregolatezza dell’estate, sembrano avere bisogno (anche se non lo ammetteranno mai).

Le incombenze dei genitori, tuttavia, non si esauriscono mai e l’inizio della scuola è sinonimo di un principio inevitabile: la lista delle cose da comprare.

La lista del materiale didattico, la lista del corredo, la lista degli appuntamenti, delle riunioni, degli orari da rispettare. A settembre è tutta una lista.

Il quaderno per fare le liste

Ci ha pensato Tiger (come poteva non farlo?) con un quaderno imprescindibile appositamente progettato per aiutarci a tenere tutto a mente

To do list

In ogni pagina potete segnare il giorno di riferimento e appuntare tutto ciò che avete necessità di ricordare: lista di cose da fare, elenco delle priorità, orari e appuntamenti, promemoria per il giorno successivo e note varie.

L’etichettatura degli oggetti

Ora che vi siete ricordati di comprare tutto il materiale richiesto dalle maestre c’è un’altra incombenza che affligge il genitore: l’etichettatura.

In tutto ciò che entra a scuola deve essere rigorosamente indicato il nome e cognome del bambino. E quando dicono tutto intendono tutto, comprese le matite: tutte le matite. 

Petit Fernand

A questo ha pensato Petit Fernand che fornisce etichette personalizzate di ogni tipo: adesive o termoadesive, per vestiti, per scarpe, per oggetti, per TUTTO. Esistono anche dei pacchetti risparmio ideati appositamente per le esigenze di chi inizia l’asilo nido oppure la scuola materna ed elementare.

È molto facile: si cercano le etichette di cui si ha bisogno, si scelgono temi e colori e si scrive il testo. Conferma, clicca e paga. E dopo pochi giorni Petit Fernand ti recapita a casa le etichette personalizzate raggruppate sotto forma di pratico libretto (un po’ simile ai buoni pasto, per intendersi).

Idee ricamo per il corredo

Per chi ha tempo, voglia, pazienza e passione esiste anche la possibilità del ricamo, almeno per quanto riguarda il corredo che, va sottolineato, viene richiesto principalmente all’asilo nido e nella scuola dell’infanzia. 

Per corredo si intendono vari elementi fra cui: sacchettino porta vestiti, bavaglini, porta bavaglini, asciugamani (con fettuccina, mi raccomando), sacchettino porta bicchiere, copertina, lenzuolo, grembiule e qualsiasi altro oggetto in tessuto che il bambino deve portare con sé.

Soprattutto i bavaglini e gli asciugamani che vengono venduti per queste occasioni possono avere una parte ricamabile e, solitamente, si tratta di ricamo a punto croce. Da grande fan del ricamo a punto croce io posseggo addirittura una “borsa per il ricamo” all’interno della quale custodisco con rigore una scatola con tante piccole scaffalature designate per accogliere i rocchetti dei fili, aghi, ditali e tutto ciò che serve alle giovani anziane come me che praticano questo passatempo. Ovviamente (non sia mai) la scatola è stata pensata per suddividere i rocchetti in base alle diverse gradazioni di colore.

Fatta questa doverosa premessa, per chi non lo sapesse tutti quei disegni che si vedono ricamati sul corredo dei bambini non sono frutto della creatività spropositata delle mamme (perlomeno per quanto mi riguarda), ma vengono realizzati seguendo dei comodi e semplici schemi realizzati da grandi esperti e pubblicati su riviste specializzate.

Ricamo punto croce

Fra queste in edicola si può trovare l’intramontabile Susanna che ha anche un numero dedicato ai temi di ricamo per bambini, Susanna solo bimbi

Per chi, invece, preferisce gli acquisti online è possibile scaricare una miriade di schemi (suddivisi per tecniche di ricamo, uncinetti, maglia eccetera) su Mani di fata (che si può comunque trovare anche in edicola).

Ma non è finita

Quando termina l’estate bisogna anche mettere in conto che arriveranno anche i malanni. Il miglior investimento economico fatto da quando sono madre? L’apparecchio per fare l’aerosol.

Io ho scelto quello di Bimboneb che include anche gli accessori per il lavaggio nasale, detto più semplicemente “rinowash”.

È tutto. Siamo pronti, possiamo finalmente attendere il suono della campanella.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *