estate luglio

Libri belli a luglio

Avete già pensato a cosa leggerete quest’estate?

Come ogni anno arriva puntale il momento del “quali libri portare sotto l’ombrellone” e l’inizio di un nuovo mese è l’occasione giusta per scoprire alcune novità in libreria.

Io andrò in montagna, quindi nel mio caso si tratterà di scegliere quali libri mettere nello zaino. E comunque, anche se vivo al mare e l’ombrellone ce l’ho sotto casa, non riesco mai ad aprire un libro alla spiaggia perché, in questo momento della mia vita, è un luogo impegnativo dove non è mai possibile abbassare il livello attenzione senza correre il rischio che un figlio senza braccioli si allontani troppo dalla riva o una figlia piccola si mangi bocconate di sabbia.

Ma non lamentiamoci, essere madre è un’esperienza tanto faticosa quanto gioiosa e appagante. Per questo motivo, fra i libri in uscita questo mese, troverete anche un libro da mamma.

Vuoi condividere la tua esperienza di mamma felice, ma anche un po’ disperata?

Se non conoscete Julia Elle e i suoi canali “disperatamentemamma” provate a seguirla: vi allieterà con le gioie e dolori dell’essere mamma con un diario quotidiano delle sue avventure con Chloe e Chris (detto anche “il polpetta”). Non è una “pancina”, ma una mamma simpatica e sincera e ciò che racconta si avvicina parecchio alla verità. Il 3 luglio esce il suo libro Disperata & felice. Diario segreto di una mamma (Mondadori).

Sei una mamma che ha bisogno di un drink?

Dieci cose che avevo dimenticato

Lucrezia Sarnari, conosciuta sul web come “c’era una vodka” è giornalista e da quando è mamma ha creato l’omonimo blog. Adesso ha scritto un libro, la storia piacevole di due sorelle diverse, ma legate da un’improvviso cambio di vita che toccherà a entrambe. Giò vive a Parigi, è libera, senza legami ha intrapreso una brillante carriera nella pubblicità. Marta invece ha scelto l’amore per il compagno e il figlio di tre anni: da Milano si è trasferita in provincia e lavora come speaker in una piccola radio. Le loro vite cambieranno quando erediteranno la pasticceria di famiglia facendo ritorno in Umbria, nel paese dei loro giochi di bambine. Dieci cose che avevo dimenticato è uscito il 26 giugno per Rizzoli ed è uno di quei libri che racconta i luoghi attraverso i ricordi, il passato, le emozioni che continuano a suscitare in chi li ha vissuti.

Che estate sarebbe senza un giallo serio?

Il purgatorio dell’angelo, (Einaudi) di Maurizio De Giovanni è uscito il 28 giugno ed è una nuova avventura del commissario Ricciardi: nel mare di Posillipo viene trovato il cadavere di un anziano prete barbaramente ucciso. Ricciardi è più inquieto che mai perché ha iniziato a frequentare Enrica e non può continuare a nasconderle la propria natura, il segreto che a lungo lo ha tenuto lontano da lei. È maggio, è tempo di confessioni.

Mare o montagna?

Io sto diventando anziana, me ne rendo conto. Per questo motivo da qualche anno scelgo sempre la montagna: se Elizabeth Von Arnim sa descrivere quei luoghi così bene come ha saputo fare con il mare in Un incantevole aprile allora non ci sono più discussioni che tengano. Un’estate in montagna (esce il 12 luglio per Fazi Editore) è ambientato nel 1919 in Svizzera: Elizabeth raggiunge il suo chalet alla ricerca di solitudine e riposo, ma a sorpresa due donne inglesi bussano alla sua porta in cerca di un posto dove riprendere fiato dalla passeggiata e dal sole. Si aggiunge poi al gruppo anche zio Rudolph, un pastore anglicano sessantenne che si innamora della più giovane delle due ospiti, quella con il segreto più vergognoso e il passato più scandaloso.

D’estate c’è tempo anche per le letture più serie

Icarus. Ascesa e caduta di Raul Gardini, edizioni Minimum fax, è il risultato dell’ossessione di Matteo Cavezzali che, bambino quando il 23 luglio 1993 Raul Gardini venne trovato morto nella sua residenza milanese, decise di voler scrivere un libro su Gardini, sulla sua città (Ravenna), sulle macerie che seppelliscono i vinti e i loro segreti. Un libro che è “un mosaico emozionante dal quale mancherà sempre una tessera, come dalla verità. Restano soltanto le narrazioni della sventura e dell’infamia. Le case degli spettri, gli aerei schiantati, il cemento di Cosa Nostra, gli affari del secolo sfumati, l’utopia della benzina verde e della plastica biodegradabile, le salme rapite e i cadaveri nelle carceri, le valigette sparite e le pistole cambiate di posto. E su tutto la vertigine del vento in poppa e la malinconia di un’ultima regata”.

Ti piacciono le storie di donne?

Meglio sole che nuvole di Jane Alison (traduzione di Laura Noulian) è uscito il 14 giugno per NN Editore e racconta di J, una donna che, reduce da un matrimonio fallito e senza figli, decide di congedarsi dall’amore. Trasferitasi a Miami passa il tempo a occuparsi di un gatto e di un’anatra osservando gli inquilini del grattacielo in cui vive fino a quando, un giorno scrutando il balcone del ventiduesimo piano, vede una donna dalla chioma biondo platino che lascia cadere qualcosa nel vuoto.

Come si dice addio, di Laurie Colwin (traduzione di Francesca Pe’) esce il 5 luglio per SUR. Geraldine ha lasciato il dottorato per condurre la vita avventurosa e sregolata dei musicisti on the road, ma poi ha messo la testa a posto e ha sposato un suo fan: un avvocato ebreo newyorkese di successo. Riuscirà ad adattarsi a questa nuova identità senza tradire la parte più autentica di sé stessa?

Lezioni di disegno

Lezioni di disegno di Roberta Marasco è uscito il 19 giugno per Fabbri Editore. C’è sempre una donna protagonista, anzi, più di una perché Julia, che a 39 anni non ha ancora messo radici da alcuna parte, si trasferisce a Barcellona nella lussuosa villa di Pedralbes che lei e le sorelle sono costrette a vendere dopo la morte della madre Gloria. Julia trova una foto di Gloria felice e abbracciata a un uomo che non è suo padre, l’uomo autoritario e severo che fu complice della dittatura franchista. Ed è partire da quella foto che Julia riuscirà a conoscere veramente la madre, una donna che visse attivamente la Barcellona degli anni Settanta, fra lotte politiche, manifestazioni e assemblee femministe.

Una nuova saga familiare

la famiglia aubrey

Non contenti di aver sfornato la saga dei Cazalet che ha creato una vera dipendenza da Elizabeth Jane Howard, alla Fazi Editore hanno deciso di sfornarne un’altra: La famiglia Aubrey di Rebecca West di cui il 5 luglio uscirà il primo capitolo. Siamo nella Londra di fine Ottocento in una famiglia anticonvenzionale dove a dettare le regole è la musica: Clare, la madre, è una pianista talentuosa, il padre Piers è un giornalista. Poi ci sono le tre figlie femmine Cordelia, Mary e Rose e un unico figlio maschio, Richard Quin, viziato e coccolato da tutti. Tra musica, politica, attualità e sogni trascorre un decennio attraverso il quale ognuno prenderà la sua strada.

Vuoi leggere una storia romantica?

C’è Sei dove batte il cuore, di Simona Giorgino che esce il 5 luglio per Newton Compton Editori. La protagonista è Tessa, traduttrice e mediatrice culturale originaria di Lecce, ma trasferitasi a Milano per lavoro. Nella sua vita fanno ingresso tre uomini: il romantico Brando, il giovane Leo dal passato difficile e, all’improvviso, un altro ragazzo dolce e gentile. Per Tessa sarà difficile capire in quale direzione va il suo cuore.

Oppure una storia erotica?

Desire, l’impero del desiderio è il terzo e ultimo capitolo della Mount Trilogy di Meghan March (SEM Libri) e finalmente scopriremo come andrà a finire tra la focosa e irresistibile Keira e il cattivone Lachlan Mount…

2 commenti

    1. Author

      Non vedo l’ora di iniziarlo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *